LA GIOIA DI UN INCONTRO

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m4141dc48

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_4dac1c41

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m17c557b5

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m5265ec2e

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m3448eedd

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_3ea93af0

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m67cb3b30

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m3fd41ad1

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_7f399365

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_195990b5

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m6b44c614

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m3be7a848

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m37e3661d

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m2351e2e3

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_30cfd665

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_1c383baa

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_m6428ed96

La_gioia_di_un_incontro_-_racconto_per_ragazzi_html_3741c211

Anche tu sei unico e irripetibile, non farti abbattere dalle piccole difficoltà, alza la testa e ammira quante belle cose ci sono state regalate, ammira lo splendore del mondo! Non sprecare tempo a rattristarti, ma corri fuori e dai il meglio di te stesso, non avere paura, ama gli altri, mordi la vita e regala il tuo sorriso a tutti coloro che incontri… Non sprecare nessuna opportunità!

VIVI!!

Condividi questo articolo con i tuoi amici
    Categories: Senza Categoria | Leave a comment

    TU SEI FATTO PER AMARE!

    Guarda sotto i tuoi piedi se c’è
    c’è acqua di palude
    che ti risucchia giù.
    Guarda sotto i tuoi occhi se c’è
    c’è una fitta nebbia
    che non sopporti più.

    Guarda sotto il tuo campo se c’è
    c’è una pianta secca
    che non fiorisce più.
    Guarda sotto il tuo cielo se c’è
    c’è una stella smorta
    che non riscalda più.

    Guarda fra le tue strade se c’è
    c’è un fiume di gente
    che forse aspetta te.
    Guarda dentro il tuo cuore se c’è
    c’è una voglia di dare
    che cresce sempre più.

    No, non fermarti qui!
    Tu sei fatto per qualcosa di più.

    Come l’acqua c’è per dissetare,
    come il fuoco è fatto per bruciare,
    tu sei fatto per amare.
    Come gli occhi sono per vedere
    e la bocca è fatta per parlare,
    tu sei fatto per amare.
    Sei fatto per amare.

    Guardati dalle iene perché: loro fanno la festa
    se non sei vivo tu. Guardati dai pirati perché:
    danno in bocca agli squali se non li vinci tu.

    No, non fermarti qui! Tu sei fatto per qualcosa di più.

    Come l’acqua c’è per dissetare…

    Condividi questo articolo con i tuoi amici
      Categories: Senza Categoria | Leave a comment

      I BISCOTTI

      Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto. Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo, decise di comprare un libro per ammazzare il tempo. Comprò anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare piu tranquilla. Accanto a lei c’era la sedia con i biscotti e dall’altro lato un signore che stava leggendo il giornale. Quando lei cominciò a prendere il primo biscotto, anche l’uomo ne prese uno, lei si sentì indignata ma non disse nulla e continuò a leggere il suo libro. Tra sé pensò: “Ma tu guarda, se solo avessi un po’ più di coraggio gli avrei già dato un pugno…”
      Così ogni volta che lei prendeva un biscotto, l’uomo accanto a lei, senza fare un minimo cenno ne prendeva uno anche lui. Continuarono fino a che non rimase solo un biscotto e la donna pensò: “Ah, adesso voglio proprio vedere cosa mi dice quando saranno finiti tutti!!”
      L’uomo prese l’ultimo biscotto e lo divise a metà! “Ah!, questo è troppo” pensò e cominciò a sbuffare indignata, si prese le sue cose, il libro, la sua borsa e si incamminò verso l’uscita della sala d’attesa. Quando si sentì un po’ meglio e la rabbia era passata, si sedette in una sedia lungo il corridoio per non attirare troppo l’attenzione ed evitare altri dispiaceri. Chiuse il libro e aprì la borsa per infilarlo dentro quando………… nell’aprire la borsa vide che il pacchetto di biscotti era ancora tutto intero nel suo interno. Sentì tanta vergogna e capì solo allora che il pacchetto di biscotti uguale al suo era di quell’uomo seduto accanto a lei che però aveva diviso i suoi biscotti con lei senza sentirsi indignato, nervoso o superiore, al contrario di lei che aveva sbuffato e addirittura si sentiva ferita nell’orgoglio.

      Quante volte nella nostra vita mangeremo o avremo mangiato i biscotti di un altro senza saperlo? Prima di arrivare ad una conclusione affrettata e prima di pensare male delle persone, GUARDA attentamente le cose, molto spesso non sono come sembrano!!!!

      Impegno della settimana: avere occhi e cuore attenti verso chi ci circonda :)

      Condividi questo articolo con i tuoi amici
        Categories: Senza Categoria | Leave a comment

        IL SOLE DELL’AMORE

        Abbiamo pensato ad una bella novità per tutti voi!! :)
        Ogni domenica pubblicheremo una storiella, un video o un’immagine con una breve riflessione ed un impegno per farvi iniziare al meglio la settimana… Stay tuned!

        Cominciamo con…. IL SOLE DELL’AMORE

        sole-amore-1

        sole-amore-2

        sole-amore-3

        sole-amore-4

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

         

        Spesso il freddo che sentiamo viene da dentro ed è semplicemente formato da tutti quei sentimenti negativi come la rabbia, l’invidia, la gelosia, ecc… Non abbiamo bisogno di chissà quali capi termici per per ripararci dal gelo provocato da questi sentimenti: in questi casi l’unico rimedio per generare un po’ di calore è la luce di un SORRISO. A volte può cambiare e rendere meno buia la giornata di qualcuno vicino a noi e, cosa fondamentale, è incredibilmente contagioso :)

        L’impegno di questa settimana è SORRIDERE!

        Condividi questo articolo con i tuoi amici
          Categories: Senza Categoria | Leave a comment

          NEVE, GOMMONI E CIELO AZZURRO: DIVERTIMENTO ASSICURATO!

          Schermata-2014-03-12-alle-17.01.30Il 7 e l’8 marzo si è svolto il gruppo Samuel delle terze medie di Ivrea e Torino. Ma non è stato un Samuel come tutti gli altri!!! Venerdì pomeriggio i ragazzi hanno partecipato alla via crucis condotta dal gruppo del biennio dell’Oratorio don Bosco, hanno cenato all’istituto e si sono sfidati a una serie di giochi a squadre proposti dagli animatori. Terminata la serata, don Eligio ha dato la buonanotte come era solito fare Don bosco e poi…. tutti dentro il sacco a pelo!! Sabato mattina, dopo esserci alzati, abbiamo indossato le nostre tute da sci, scarponi e via…. direzione snow park di Gressoney! Ad accoglierci un cielo azzurro senza nuvole e tanta tanta neve, sulla quale abbiamo potuto giocare con i gommoni e con le bici e fare tanti capitomboli!! Giusto una breve pausa per riempirci lo stomaco e poi di nuovo tutti sulla neve. E tra una risata e l’altra il sole era già dietro le montagne e il don era già lì ad aspettarci per riportarci a Ivrea, dove ci aspettavano i ragazzi dell’oratorio per la messa concelebrata da don Dante e don Eligio, al quale rivolgiamo un GRAZIE particolare!!

          Ma non è finita qui, il prossimo appuntamento, come i ragazzi sanno già, è il 22 aprile in campeggio a Castelnuovo Nigra!!

          Condividi questo articolo con i tuoi amici
            Categories: Senza Categoria | Leave a comment

            Aspiranti cooperatori sulle orme di don Bosco al Colle e a Chieri!

            Schermata-2014-03-02-alle-14.13.35

            Ieri abbiamo partecipato all’incontro “collettivo” di formazione per aspiranti cooperatori… è stato proprio bello e deve essere piaciuto molto anche alla pioggia che non ci ha mai abbandonati!!
            Formatore, insieme a don Enrico Lupano, il giovane chierico Thierry davvero in gamba e una proposta decisamente interessante: riuscire a vedere e a sentire con occhi e cuore nuovi i luoghi dove don Bosco è nato e vissuto sino al 1841. La mattinata l’abbiamo trascorsa al Colle e nel primissimo pomeriggio ci siamo trasferiti a Chieri, dove Giovanni effettua quelle scelte di vita che lo porteranno a diventare San Giovanni Bosco, gli anni durante i quali si forma il carisma salesiano. Il racconto della vita di Don bosco, che il nostro Thierry ci propone man mano che raggiungiamo i luoghi dove il Santo è nato e vissuto, è permeato dalla passione di chi lo ama profondamente e le figure chiave di mamma Margherita, don Calosso e Luigi Comollo emergono con tutta la loro forza.
            La giornata si conclude in Duomo a Chieri col nostro grazie a Maria e al Signore anche per il dono di coloro che ci stanno accompagnando in questo cammino formativo, sia in sede locale sia centrale.
            Oggi possiamo dire che quei luoghi li abbiamo davvero rivisti e risentiti con occhi e cuorie diversi… con occhi e cuore da cooperatori!!!

            Un grazie particolare a Loris e a don Eligio per la loro presenza.

            Condividi questo articolo con i tuoi amici
              Categories: Aspiranti cooperatori | Leave a comment

              SANTAMENTE AGGRESSIVI

              Notizie dagli animatori che stanno frequentando il corso per aspiranti cooperatori salesiani!! :)

              Stasera, 19 febbraio 2014, durante il corso aspiranti cooperatori, sotto la guida di Piero, abbiamo riflettuto sulla santità. Essa è accessibile, alla portata di tutti, é qualcosa di concreto che si realizza in una vita vissuta a pieno, non nella mediocrità. Don Bosco ci insegna ad essere santi per formare giovani santi ancorando la nostra vita a Gesù. Perciò mettiamoci in cammino per riuscire a diventare “santamente aggressivi” e missionari tra gli altri. E come ci hanno detto il direttore e il vicario nel pensiero di buona notte, ognuno di noi può camminare verso la santità nel modo e nel luogo in cui il Signore lo chiama, ma per non perdere di vista l’obbiettivo dobbiamo sempre confrontarci con i doni dello Spirito Santo. “Solo nella vita di grazia, si attuano a pieno gli ideali più autentici”.

              Condividi questo articolo con i tuoi amici
                Categories: Senza Categoria | Leave a comment

                ESTATERAGAZZI2014… WORK IN PROGRESS!

                Gli animatori hanno sempre bisogno di tenersi aggiornati… Ecco perché tutti gli anni partecipiamo al corso animatori organizzato da don Eligio.

                Domenica 16 febbraio, grazie a Silvia, professoressa di arte della scuola media, abbiamo imparato qualche nozione di grafica per realizzare al meglio cartelloni, scenografie e volantini, e con Marina, Roberta e Marisa, maestre della scuola elementare, abbiamo pensato ai nuovi laboratori da realizzare insieme ai nostri ragazzi quest’estate.

                FONDAMENTI DI GRAFICA
                Secondo la teoria della Gestalt, l’immagine che si presenta ad un osservatore deve tener conto anche dell’impatto visivo dal punto di vista psicologico. Abbiamo preso in esame, quindi, alcune caratteristiche che deve avere un cartellone (o un volantino) affinché lo sguardo dell’osservatore focalizzi l’attenzione sugli aspetti principali o su quelli che noi stessi vogliamo far risaltare. Per raggiungere questo obiettivo occorre innanzitutto preparare sempre uno schizzo su un foglio a parte, successivamente procedere alla realizzazione del cartellone a matita e poi, solo dopo aver fatto tutte queste operazioni, eseguire la nostra “opera d’arte” con pennarelli, tempere, ecc.

                ALCUNI CONSIGLI
                -Per lo sfondo meglio utilizzare sfondi bianchi o a tinta unita (evitare il colore giallo o sfondi stravaganti che confondono le persone)
                -Scegliere un font appropriato al contesto
                -Scrivere titoli e sottotitoli in grassetto
                -Impaginare con ritmo seguendo una certa simmetria
                -Lasciare sempre un bordo di margine esterno

                NUOVI LABORATORI
                Eeeeh, questa sarà una sorpresa!! Abbiamo preparato dei bellissimi laboratori da realizzare con carta, cartoncino, spugna, pasta, plastica, polistirolo e mollette!! Vi aspettiamo per divertirci insieme :)

                Grazie a Silvia, Marina, Roberta e Marisa per la disponibilità e per gli ottimi consigli!! :)

                Condividi questo articolo con i tuoi amici
                  Categories: Senza Categoria | Leave a comment

                  4° incontro “Testimoni della Fede”

                  Schermata-2014-02-11-alle-16.32.03

                  “Come si fa, nel mondo di oggi, ad essere dei veri Testimoni della Fede?”A noi ragazzi penso che capiti spesso di chiedercelo; abituati a sentir dire “tanto sarà sempre peggio”, “se nella vita non ti arrangi, beh..non vai da nessuna parte!”, “non ti fidare di nessuno”, “devi essere il migliore, a qualunque costo” a volte ci si domanda se sia ancora possibile, nel 2014, essere dei Buoni Cristiani oltre che Onesti Cittadini.

                  Penso che il don non si stancherà mai di dirci che dobbiamo essere dei Cristiani (sì, con la “C” maiuscola) che devono saper mordere la vita, perché il mondo, quello del 2014, ha un assoluto bisogno di noi. Che non dobbiamo essere dei “cristiani timidi”, ma dobbiamo essere dei veri testimoni della Gioia e soprattutto testimoni della Fede, intrepidi, coraggiosi, felici, energici missionari che nella vita di tutti i giorni vivono e testimoniano la Gioia più grande di tutte: sapere di essere Amati Infinitamente. E per “convincerci” che queste non sono solo utopie ha pensato di proporci degli esempi concrete, di persone che ricoprono delle cariche autorevoli e che non hanno timore di dirsi cristiani e di vivere i loro incarichi con gli stessi valori che Gesù ci ha proposto.

                  Arrivati al quarto incontro, abbiamo incontrato Giuseppe Pezzetto, attuale sindaco di Cuorgnè che ci ha raccontato come ha raggiunto questa carica e quali sono gli ideali che lo portano ogni giorno a compiere bene il suo compito. E’ stata una piacevole chiacchierata di cui vogliamo riportare alcuni pezzi che ci hanno colpito particolarmente e che vogliamo condividere con voi. Parlando dei giovani Beppe ha detto che il suo principale scopo era ed è quello di valorizzare i talenti dei giovani, poiché ritiene importante essere lungimiranti e credere nelle generazioni future. In passato è stato un animatore e grazie a questa esperienza ha capito l’importanza della collaborazione e dello stare al di sopra delle parti. Alla domanda “qual è il tuo motto di vita?” ci risponde “nella vita non si smette mai di imparare”. Ci racconta che, quando ha dovuto scegliere tra diverse esperienze, ha sempre preferito provare cose nuove: questo ci spinge ad essere coraggiosi, curiosi e intraprendenti. Se si vuole che cambi qualcosa nel mondo, o anche solo nella nostra comunità/scuola/ufficio, è necessario rimboccarsi le maniche e darsi da fare, perché tocca proprio a noi (tocca proprio a te!) mettersi in gioco per cambiare le cose. Non poteva mancare una domanda sul passaggio dell’urna di don Bosco nella nostra diocesi, evento che ci ha coinvolti in prima persone e ha lasciato un segno profondo nel nostro cuore. Ci ha raccontato di aver partecipato all’evento e di essersi emozionato nel vedere la grande partecipazione delle persone; è convinto che il Santo abbia saputo smuovere qualcosa nel cuore delle persone che hanno voluto vederlo e incontrarlo.

                  Ripensando a quello che ho sentito venerdì sera mi risuona nella testa una frase del Beato Papa Giovanni Paolo II, sentita chissà dove che dice: “Non abbiate paura di avere coraggio”. Non dobbiamo avere paura di avere coraggio, ma dobbiamo mordere la vita, spenderla fino in fondo, sognando alla grande e consumandola per gli altri.

                  Condividi questo articolo con i tuoi amici
                    Categories: Senza Categoria | Leave a comment

                    I ragazzi di terza media sui passi di Don Bosco

                    B

                    «Usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo!». Come resistere a questa chiamata? E’ un appello che ha tutta l’intensità e la passione del «Da mihi animas!» di Don Bosco. “La vostra generosità giovanile non può che sussultare e lasciarsi scuotere da questo grido, abbandonando una fede timida, rattrappita dalla paura e poco incline a testimoniare. […]” 
Dopo aver ascoltato queste splendide parole del Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Pasqual Chàvez, pronunciate durante la Messa celebrata in occasione della festa di don Bosco nella Basilica di Maria Ausiliatrice, ci siamo messi in cammino, con il cuore carico di entusiasmo, sui passi di don Bosco.
                    Come già abbiamo accennato sul giornalino di febbraio, il nostro gruppo Giovanissimi di terza media, con i ragazzi dell’oratorio Don Bosco di Ivrea, il 31 gennaio ha cominciato il suo pellegrinaggio a piedi sulle vie percorse in vita dal Santo. 
Siamo partiti dall’oratorio di Valdocco subito dopo cena, verso le ore 21, facendo una prima tappa in piazza Hermada. La mattina successiva, ci siamo svegliati all’alba e rimessi in cammino per arrivare a Chieri, dove ci siamo fermati per il pranzo e per riprendere le forze, prima di percorrere la terza tappa fino a San Giovanni, presso Riva di Chieri (casetta di San Domenico Savio). La domenica siamo partiti per giungere infine al Colle don Bosco, che abbiamo raggiunto verso le 11,30: lì abbiamo trovato alcuni animatori ad accoglierci e con loro abbiamo partecipato alla Messa.

                    A

                    E’ stata un’esperienza ricca di emozioni: neve, pioggia e fango non ci hanno fermati e, tra una risata e una battaglia a palle di neve, tra foto, chiacchiere e preghiere, i 40 km percorsi sono volati. Certo, non sono mancate la stanchezza e la fatica ma, come tutti sappiamo, quando la difficoltà è condivisa perde il suo peso lasciando spazio ad una mano tesa e a due spalle pronte a sorreggerti quando non ce la fai più. L’amicizia è questo: camminare insieme verso la stessa meta e aiutarsi a vicenda per superare ogni difficoltà incontrata sulla strada.
                    Infine, non possiamo dimenticare di ringraziare tutte le persone che ci hanno accolti durante ogni tappa, incoraggiandoci e facendoci sentire amati con tante piccole azioni. Perciò un grazie di cuore a Don Enrico che ci ha accolti la prima notte nel nostro oratorio, ai Salesiani di Chieri che ci hanno offerto ospitalità il giorno seguente, a tutti gli animatori che hanno accompagnato i ragazzi e a quelli che hanno contribuito alla buona riuscita del pellegrinaggio, compresi coloro che “ci hanno nutriti”. Un grazie particolare a Don Eligio che ha reso possibile questa bella esperienza che ricorderemo per sempre!
                    Tornati a casa portiamo negli occhi la gioia di momenti straordinari e serbiamo in cuore la certezza che nella vita, anche se incontreremo difficoltà, non dovremo cedere alla stanchezza, o alla paura di camminare sulla nostra strada, diventando così testimoni credibili della fede.

                    Condividi questo articolo con i tuoi amici
                      Categories: Eventi, Messaggi Animatori | Leave a comment